fbpx
LOADING

Type to search

Gli studi confermano: il CBD della marijuana, insieme alla chemioterapia, triplica le speranze di vita

Gli studi confermano: il CBD della marijuana, insieme alla chemioterapia, triplica le speranze di vita

Share

Topi con un tumore al Pancreas trattati con una combinazione di cannabidiolo (CBD) e chemioterapia sono sopravvissuti quasi tre volte più a lungo di quelli trattati solo con la chemioterapia, secondo un nuovo studio che ne mette in luce il potenziale per la terapia umana.

È stato già provato che il CBD, il composto non psicoattivo (non inebriante) della Marijuana, aiuti con gli effetti collaterali della chemioterapia, come nausea e vomito. Gli ultimi risultati forniscono ulteriore giustificazione per testarlo sugli umani, partendo da precedenti ricerche sugli animali che hanno scoperto le possibili proprietà anti-cancerogene del composto.

“Il cannabidiolo è stato già approvato per l’uso nelle cliniche [es. Regno Unito], il che significa che possiamo velocemente passare ai test nei trial clinici umani,” ha detto il ricercatore capo Marco Falasca della Queen Mary University di Londra, tra l’altro di origini italiane.

Anche se i trial umani che coinvolgono il CBD come trattamento per il cancro possono procedere più velocemente negli UK, sforzi simili potrebbero incontrare degli ostacoli negli Stati Uniti, dove il CBD derivato dalla Marijuana è ancora considerato una sostanza illegale dalla legge federale. Tuttavia, si stanno facendo dei progressi, con l’FDA americana che ha approvato il primo farmaco composta di CBD per trattare forme severe di epilessia a giugno di quest’anno.

Il tumore al Pancreas è fra le forme più letali di cancro nel mondo, in termini di tassi di sopravvivenza complessivi. Secondo l’American Cancer Society, per tutti gli stadi di cancro al Pancreas combinati, il tasso di sopravvivenza relativo di un anno è al 20%, me il tasso a cinque anni è appena sotto il 7%. È il 12esimo cancro più comune a livello globale, con la frequenza maggiore nei Paesi sviluppati.

“L’aspettativa di vita dei pazienti con tumore al pancreas è a malapena cambiata negli ultimi 40 anni, perché ci sono veramente pochi trattamenti disponibili, spesso solo palliativi ” ha aggiunto il Dr. Falasca in una conferenza stampa. “Dato che il tasso di sopravvivenza di cinque anni per le persone con il tumore al pancreas è meno del 7%, c’è urgente bisogno di scoprire nuovi trattamenti e strategie terapeutiche.”

Anche se lo studio non è ancora stato replicato sugli umani, i risultati sottolineano l’importanza di una ricerca continua che coinvolga i composti della Marijuana. Da quando il movimento per la legalizzazione ha iniziato a fare pressioni, diversi studi hanno collegato i composti a molti risultati promettenti, dall’aiutare con i sintomi dell’emicrania al migliorare il recupero del paziente colpito da un ictus, fino a diminuire la severità degli attacchi epilettici, fra le altre cose.

Più impariamo riguardo i potenziali di questi composti, più sembra chiaro che decenni di ricerche bloccate dalle leggi federali ci hanno privato di passi avanti in medicina che stanno iniziando a comparire solo ora.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Oncogene.

Facebook Comments

Tags::

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *