fbpx
LOADING

Type to search

Netflix annuncia il nuovo show di culinaria a base di Cannabis

Share

Dopo che la sitcom di Netflix a tema ‘Cannabis’, Disjointed, è stata improvvisamente cancellata, il servizio di streaming aveva bisogno di trovare un sostituto per riempire il buco a forma di foglia che si era venuto a creare. Con la prevalenza sempre maggiore della marijuana nella pop-culture, trovare un buono show dovrebbe essere facile come contare fino a 3. Fortunatamente, il servizio di streaming è stato davvero in grado di trovare un diverso tipo di divertimento che coinvolgesse la Cannabis: questa volta si trattata di uno show competitivo di cucina, arrivato su Netflix a giugno.

Alta Cucina

Lo show, appropriatamente intitolato Strafatti in Cucina, ha debuttato il 22 giugno. È condotto dal comico e famoso youtuber Josh Leyva, conosciuto per la sua vasta gamma di personaggi stravaganti, sketch virali e strane sfide. È comparso anche nei film Laid in America e Dance Camp, entrambi usciti nel 2016.

Accanto a Leyva troviamo il comico e famoso attivista per la Cannabis Ngaio Bealum, nei panni del principale “esperto culinario della Cannabis” nello show. Beaulm è stato il presentatore originale della serie Cannabis Planet e ha pubblicato la rivista non-profit West Coast Cannabis Magazine. Scrive anche una colonna settimanale sul Sacramento News & Review, dove risponde alle domande dei lettori circa la Cannabis e le leggi che la circondano.

Per quanto riguarda il format dello show, il programma di cucina new-age vede competere fra di loro 10 chef per scoprire chi può inventare il piatto più creativo e dal sapore migliore per le quattro celebrità poste come giudici. L’unica condizione? Tutte le ricette devono farti sballare. Ciò significa, presumibilmente, che gli chef debbano anche essere abili nell’arte della decarbossilazione e dell’estrazione del THC, per far sì che i loro piatti siano sia deliziosi che potenti.

Oltre a ciò, lo show è vietato ai minori di 18 anni (sai, per la questione dell’erba). Se lo show si rivelasse essere una versione a base di Cannabis dei classici show di cucina competitiva, come Hell’s Kitchen di Gordon Ramsey, o il famoso Cutthroat Kitchen, ne vedremo delle belle.

Tuttavia, se tutti i partecipanti sono sballati come pensano i giudici, dovremmo aspettarci quantomeno qualche capriccio.

Quando si dice ‘essere cotti’.

 

Facebook Comments

Tags::

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *