fbpx
LOADING

Type to search

Ricetta: latte alla cannabis

Share

La Cannabis, oltre ad essere assunta da sola, può anche costituire un ingrediente in diverse pietanze, come i dolci, e permette quindi di liberare la propria creatività in cucina unendo l’amore per il mangiare bene alla passione per la cannabis stessa. Oggi vi proponiamo la ricetta per il latte alla Cannabis, che può essere bevuto da solo o essere usato all’interno di altre ricette, come frullati o piatti più elaborati.

COSA SERVE:

  • Latte intero. È importante che il latte sia intero e ricco di grassi, poiché questi servono a slegare i cannabinoidi dalla Cannabis e a farli entrare in soluzione con il latte. Il latte parzialmente scremato o scremato sarà meno efficace in questo senso.
  • Cannabis.
  • Colino e garza.

Nota: La quantità di ogni ingrediente dipenderà in gran parte della vostra tolleranza. Come regola generale, potete iniziare usando 0.5-1g per 250ml di latte, sufficiente per la maggior parte dei consumatori. Se, invece, siete soliti fumare quantitativi d’erba maggiori, potete cambiare il dosaggio su 250ml di latte in modo proporzionale.

COME PROCEDERE:

  1. Macinare la Cannabis fino ad ottenere una polvere fine (più è fine, meglio si mischierà col latte).
  2. Versare il latte in un pentolino e scaldarlo, senza però portarlo ad ebollizione.
  3. Aggiungere la Cannabis macinata al latte e mescolare accuratamente.
  4. Scaldare la soluzione per un’ora, mantenendo una temperatura sostenuta ma senza arrivare al punto d’ebollizione. Mescolare di tanto in tanto.
  5. Trascorsa l’ora di cottura, spegnere il fuoco e lasciare raffreddare il latte.

Importante: il latte va scaldato per un’ora in modo da assicurare la decarbossilazione e legatura della cannabis. Senza questo processo, i composti contenuti nella cannabis non si attiveranno a pieno: il calore è necessario per assicurare che il THC, CBD ed altri cannabinoidi facciano il loro lavoro.

  1. Filtrare la soluzione attraverso il colino e la garza in un contenitore ermetico per far sì che venga trattenuta la materia vegetale.

Il latte è pronto per l’uso! Potete ora consumare la vostra bevanda dagli effetti psicoattivi, o usarla per preparare altre ricette. Se volete conservarla, tenetela in frigorifero e ricordatevi di consumarla prima della data di scadenza riportata sulla confezione del latte.

Facebook Comments

Tags::

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *